I templi

Tempio Sanjūsangen-dō

Sanjusangendo01

Letteralmente significa “sala dai trentatre spazi tra le colonne”, una caratteristica della particolare architettura della sala principale lunga ben 125 metri che trasforma questo nella costruzione di legno più lunga al mondo.

Ospita tra l’altro quello che deve essere il più spettacolare insieme di statue, un altro primato mondiale. La statua principale è di Kannon Bodhisattva, dea della compassione in posizione seduta, la cui espressione serena e benevolente suscita grande emozione, è capolavoro attribuito allo scultore Tankei e anch’esso dichiarato tesoro nazionale del Giappone.

L’effetto è però moltiplicato dalle mille statue in posizione eretta della stessa dea Kannon che riempiono il resto della sala. Affiancando la statua principale in file da cinquanta, ognuna profonda dieci file, sembrano soldatesse della compassione. Graziosamente scolpite in legno di cipresso e rivestite con foglie d’oro, ognuna possiede venti paia di braccia e ha il compito di salvare molti mondi. Centoventiquattro di queste statue, salvate da un incendio che nel 1249 distrusse il tempio originale, risalgono al 1164, mentre le rimanenti al tredicesimo secolo.

Ventotto di queste, dall’espressione intensa e dalla dovizia di impressionanti dettagli, sono le divinità guardiane. Nel complesso, ma soprattutto per la bellezza di queste sculture buddiste giapponesi, il Sanjūsangen-dō non può non suscitare emozione nel visitatore che non può resistere al toccante sguardo di quei molti occhi.



* Indirizzo: 657 Sanjusangenndo-mawari-machi, Higashiyama-ku, Kyoto

* Tel. / Fax: 075-561-0467 / 075-561-6698

* Accesso: 5 minuti a piedi dalla fermata Shichijo della linea ferroviaria Keihan
1 minuto a piedi dalla fermata Hakubutsukan-sanjusangendo-mae della linea di autobus urbani
Parcheggio libero per 30 autobus e 50 auto

* Accessibilità alle sedie a rotelle

* Orario: dalle 9:00 alle 16:00

* Chiusura: mai

* Ingresso: 600 yen per gli adulti e 300 yen per i minori e per gli svantaggiati